Consiglio Direttivo Nazionale del 2 ottobre 2011

logo_small

Ordine del Giorno

analisi situazione economica dell’associazione;
decisioni organizzative per il 20 gennaio 2012 al Campidoglio di Roma per la 7^ edizione di Un Bosco per Kyoto. Analisi economiche al riguardo, incarichi organizzativi ( chi fa e cosa fa) per questo appuntamento;
campagna 2011/12 “Frutta nelle Scuole”;
festival musica e ambiente 2011;
risultati degli ultimi progetti europei e regionali di AK;
rapporti Comune di Roma e questione dissociatore;
apertura agli sponsor esterni. Campagna IO SOSTENGO UN BOSCO PER KYOTO, Adesioni con Procedure e limiti;
Varie ed eventuali:
proposta di Ruoli e incarichi per Organigramma nazionale,
Coordinamento fra regioni per iniziative e attività (non solo ciò che elaboriamo in sede nazionale)
Programma Generale semestrale (di sei mesi in sei mesi),
Comunicazione e diffusione informazioni mediante stampa, regionale e nazionale.
Invio in sede nazionale di articoli locali e/o rassegna stampa trimestrale.
Informativa su coordinamento AK Lazio.
Proposta Organigramma Nazionale (incarichi extra):

Ennio La Malfa – Presidente – Rapporti istituzionali & Coord. Comunicazione
Alberto Gioffrè – Vicepresidente Coordinatore Regione Calabria
Maria Beatrice Cantieri – Segretaria – Organizzazione & Scuole

CONSIGLIERI
Bernardo Finocchi – Grandi Eventi
Fabio Scalzini – Progetti & Sponsor
Ciro Silvestri – Coordinatore Regione Campania
Ezio Sina – Manifestazione Un Bosco per Kyoto
Franco Floris – Musicambiente – Tutela Santuario dei Cetacei.

PRESENTI:

ENNIO LA MALFA
enniolamalfa@libero.it
338.8513915

ALBERTO GIOFFRE’
arche.tekton.33@gmail.com
338.4980125

MARIA BEATRICE CANTIERI
scuolambiente@gmail.com
327.3163503

BERNARDO FINOCCHI
b.finocchi@alice.it
328.1593311

EZIO SINA
ezio.sina@gmail.com
338.80556932

GIORGIO MERONI
gpsbrianza@gmail.com
380.7225128
ASSENTI GIUSTIFICATI:

FABIO SCALZINI
CIRO SILVESTRI
FRANCO FLORIS
OSPITI:

Vera Demina
demina.contatti@gmail.com
320.6815441

Elia Valynychev
italiaionic@gmail.com
329.6484902
Nel dare le assenze giustificate, il Presidente menziona l’assenza di Enza Ferri, che si è auto-sospesa verbalmente dall’incarico e da AK, ma sapendo che è mancata sua madre recentemente, siamo ottimisti verso un’azione di recupero del rapporto con lei, in particolare per la sua competenza ed il suo attaccamento all’ambiente.

1. analisi situazione economica dell’associazione;

2. campagna 2011/12 “Frutta nelle Scuole”;

3. risultati degli ultimi progetti europei e regionali di AK;

Il Presidente esamina la situazione economica attuale, comunicando ai componenti il Direttivo la posizione per quanto concerne l’operazione Frutta nelle scuole:” per la legge sulle Onlus non possiamo superare la cifra di 350 mila euro di fatturazione annuale, purtroppo con gli operatori impiegati per questa azione (di cui parte già liquidati, quelli meno onerosi) e con la restante parte si rischia di superare tale soglia “limite” (sarà 440.00 mila per il progetto 2011). Al momento abbiamo provveduto con il primo importo ricevuto dal Ministero ambiente di circa 70.000 euro a liquidare le spettanze più basse, ma con il prossimo saldo del progetto dovremo saldare tutta la posizione in essere”. Si decide di fatturare fino a 350 mila euro per l’anno in corso e rinviare ai primi del 2012 la rimanente somma (in maniera tale da “scavalcare” lo scoglio fiscale). Per il futuro, dopo vari giri di opinione ( La Malfa – Sina – Gioffrè – Meroni – Finocchi – Cantieri), si opta per prendere in esame la possibilità di una “posizione parallela” per quanto concerne la realizzazione di progetti onerosi, economicamente parlando, esempio: cooperativa fra giovani con quote di partecipazione AK – società o associazione di servizi – o altro. Sempre con il passaggio e/o controllo incarico attraverso AK. Gioffrè osserva come sia alta la cifra del progetto da rendiconto totale, La Malfa specifica che l’importo netto per AK (tolte tutte le spese) sarà di 18.000,00 euro. Si passa ad esaminare, analogamente, la posizione assicurativa per copertura obbligatoria degli operatori, richiesta dal ministero nell’ambito per lo stesso progetto. Ennio porta ad esempio il preventivo dell’assicurazione stipulata per 88 ragazzi pari a 2.200,00 euro per 5 mesi di lavoro nell’anno 2011 (agevolata). Si inizia una dissertazione sulle varie opzioni di tipologia assicurativa da prendere in esame il prossimo anno per lo stesso progetto. Sina informa che l’INAIL prevede alcuni tipi di contratto per questi rapporti “particolari e precari” e si potrebbe interessare ad avere maggiori ragguagli. Breve giro di opinioni (Gioffrè – Finocchi sul quantum previsto dalle assicurazioni e l’assistenza corrispondente) La Malfa, si dice preoccupato per la “copertura” reale dei giovani per incidenti di ogni tipo durante la lavorazione del progetto, evidenzia come ci sia stato un incidente anche quest’anno per un operatore, prontamente assistito e liquidata da questa assicurazione. Giorgio Meroni sottolinea la differenza fra un “pezzo di carta che afferma che esiste una polizza assicurativa” e la “reale corresponsione ad una copertura assicurativa”. Questo fa la differenza nella cifra! Ognuno tira fuori alcune possibilità di eventuale assicurazione. Al termine di questo primo punto si decide all’unanimità di: trovare una soluzione parallela associativa per la esecuzione del progetto Frutta nelle scuole ma anche per altri progetti che abbiano un budget elevato; cercare una alternativa di assicurazione (qualora richiesta obbligatoriamente dai progetti) dando incarico, comunque, a Sina disinformarsi meglio presso INAIL, cercando anche un contatto buono-diretto che potrebbe curare in prima persona lui.

Continua il Presidente “PER QUANTO CONCERNE l’andamento esecutivo del Progetto 2011, è andato molto bene in tutte le regioni, specie nel Triveneto e Lombardia ,oltre che il Lazio, purtroppo per il 2012 ci sono state affidate solo la Lombardia, la Liguria (Coord. Meroni Lecco) e il Piemonte con la Valle D’Aosta ( Coord. AK Roma Teresa Gagliardi). Alcuni enti e società che nell’ultimo anno scolastico hanno operato parallelamente con noi in altre regioni, ben introdotte politicamente, ci hanno di fatto tolto il Triveneto, dove invece siamo stati i più bravi. Ora resta il Centro e il Sud e qui speriamo di avere qualche altra regione, ma questo si potrà sapere solo verso la fine di ottobre. Ancora il Ministero delle Politiche Agricole non si è espresso, speriamo bene! D’altronde è tempo di crisi per le associazioni in generale, viene sottolineato un po’ da tutti, Il Presidente comunica che molte associazioni come la nostra stanno in serie difficoltà, alcune non pagano più gli affitti, altre dimezzano il loro personale. Tornando a parlare di Frutta nelle Scuole, La Malfa comunica che se ci verranno assegnate altre regioni soprattutto al Sud, ogni sezione AK che lavorerà per il Progetto Frutta nelle scuole avrà una quota di appannaggio per il coordinamento. Lo scorso anno si sono tenuti tre corsi di formazione Operatori, uno a Roma, uno a Lecco ed un altro a Recoaro Terme. Il prossimo anno si terrà direttamente uno ad Albenga nella sede di AK Liguria. Grazie ad un programma creato da Giorgio Meroni si è potuto organizzare il servizio nel migliore dei modi, a lui spetterà l’organizzazione del sistema anche quest’anno”.

Infine si analizza il fatto del confezionamento della frutta in confezione monodose, destinata alle scuole, proposto da un’azienda, che così avrebbe avuto “il monopolio” della fornitura al Ministero e noi, che non usiamo il monodose, saremmo usciti fuori da tutta l’operazione. Ma grazie al quotidiano Terra ed all’Unicontact abbiamo fatto il ricorso al TAR è abbiamo vinto. Quindi il tentativo di farci fuori è fallito.

Viene data rendicontazione di altri progetti presentati da AK anche con la collaborazione di Scuolambiente: Ministero dell’Ambiente= negativo – Provincia di Roma Ass. P. Istruzione= in attesa – Regione Lazio Cons. Reg. si saprà esito per Gennaio 2012 – Progetto Life per le scuole U.E. (Teresa Gagliardi) si saprà esito a Gennaio 2012.

4. decisioni organizzative per il 20 gennaio 2012 al Campidoglio di Roma per la 7^edizione di Un Bosco per Kyoto. Analisi economiche al riguardo, incarichi organizzativi ( chi fa e cosa fa) per questo appuntamento;

5. festival musica e ambiente 2011;

Il Presidente introduce il punto, dando alcune conferme:
L’Ass. Ambiente Marco Visconti Comune di Roma, dopo varie sollecitazioni dalla ns. richiesta ufficiale, ha confermato il Campidoglio per il 20 Gennaio prossimo (è un venerdì);

l’ambasciata giapponese, dopo varie rassicurazioni, da parte ns. , ha confermato la presenza del Sindaco di Kyoto (il prossimo anno è il ventennale dagli accordi di Rio de Janeiro e quindi, era importante avere la rappresentanza di Kyoto quale proseguimento di protocollo per l’ambiente). Noi daremo assistenza con interprete (la moglie del socio Orsini di AK Piemonte) e l’ospitalità in albergo (no biglietto aereo);

il Sindaco Alemanno ha assicurato la sua presenza e ha avuto la garanzia di consegnare lui il premio al sindaco di Kyoto.

Un preventivo di massima per la cerimonia è intorno ai 12/13 mila euro, in confronto allo scorso anno che era di circa € 8.000.

La Commissione presieduta dalla Prof.ssa Anna Maria Fausto, sta esaminando le proposte e le candidature, lo scorso anno sono state premiate troppe entità , per quest’anno prevediamo una diminuzione come numero, ma puntiamo ad una crescita qualitativa.

Per l’organizzazione viene lasciata la parola a Bernardo Finocchi, curatore già del Festival Musicambiente Sanremo 2010 e della recente cena di gala al Balletti Park Hotel. Per quest’ultimo avvenimento del 1° ottobre, evidenzia come pur avendo preparato una buona scaletta ed una buona organizzazione, non sia andato come avrebbe dovuto andare e cioè avere un numero maggiore di invitati.

Ezio Sina interrompe l’intervento, chiedendo come mai lui non fosse stato informato sullo sviluppo della manifestazione in generale, visto che si era sempre occupato della preparazione di Un Bosco per Kyoto. Gli viene spiegato che lui è responsabile solo della giornata al Campidoglio, di tutta l’organizzazione a monte che prevede una costante presenza operativa in sede a partire da 7 mesi prima dell’evento finale, ad occuparsene è la segreteria di AK con la supervisione del Presidente in carica. Del resto, afferma il Presidente, e gli altri consiglieri confermano, ogni iniziativa di rilievo viene trasmessa via e mail a tutto il direttivo e, quindi, tutti sono sempre informati. Gioffrè ribadisce che il Presidente ha la responsabilità politica, esecutiva, economica e visiva dell’associazione, per cui va bene quello che fa. Chiusa la discussione si prosegue.

Cantieri esemplifica con la propria esperienza dentro Scuolambiente il suo sostegno al Presidente.

Sina sottolinea come la serata precedente denotava carenze nel metodo di attuazione ed in alcuni interventi non previsti dalla scaletta organizzativa.

Bernardo Finocchi riprende la parola affermando anche lui che la sera precedente non è stata come si sarebbe voluta, non nel senso della funzionalità, perché la manifestazione si è dimostrata all’altezza delle aspettative, ma per la mancanza di un maggior pubblico. “Quando si parla di Raccolta Fondi la gente dovrebbe essere maggiormente coinvolta, portarla alla cena con la disponibilità e la consapevolezza di contribuire (blocchetto di assegni alla mano) ad un grande progetto, ad una grande associazione come AK” (proprio come si fa in America)”. Continua” ieri sera non sono venute le personalità invitate previste dal programma, male! Nel mio lavoro, perché io sono un impresario, se mi applicassi ad organizzare un evento così ci rimetterei anche un sacco di soldi!” Continua Bernardo nel voler trovare una soluzione ideale ma concreta a questo problema logistico: gli Sponsor ad hoc! (abbiamo giovani in AK a cui affidare la ricerca di tale sostegno, previo riconoscimento di una piccola percentuale) Donatori a cui si può chiedere una sovvenzione forfetaria (150/200/250 euro) a fronte di depliant e locandine delle iniziative Un Bosco per Kyoto, materiale pubblicitario distribuito nei vari territori in cui vengono attuate, più alcuni posti cena (max 3 x lui ) più altri “scontati” a parte per suoi ospiti questo è quanto completa Cantieri, terminando l’argomento. Si approva all’unanimità questa opzione speciale sponsor ideata da Bernardo per il futuro.

Gli sponsor e le scuole di ballo, oltre alle istituzioni. Conclude Bernardo Finocchi, possono essere di grande sostegno a tutte le tappe di Un Bosco per Kyoto!

A proposito della serata di gala, viene fatto notare da Meroni come sia stato poco propizio il momento dell’inizio della cena, mentre passava il suo reportage della spedizione in Alaska.

Gioffrè avvalora questo concetto evidenziando che per lui il momento della visione di questi filmati dovrebbe essere all’infuori della cena. Inoltre, per quanto concerne la Lotteria, sottolinea come i premi debbano essere più appetibili come valore e dimensioni. Infine, propone di diversificare la tipologia di questa serata (nata come cena di gala), con un teatro dove avvenga la presentazione di AK e delle sue attività (spedizioni comprese), ma con la possibilità di una pausa per breve break ed al termine un buffet ristoro.

Anche questo potrebbe rientrare nelle sponsorizzazioni (pensiamo ai ristoranti – ai negozi e alle cooperative di prodotti tipici, etc etc). Questo viene approvato come sistema da suggerire anche alle regioni dove siamo attivi e dove si potrebbe realizzare cose del genere, calendarizzate nel mese di ottobre per Un Bosco per Kyoto.

Chiarito questo aspetto, si disquisisce sull’opportunità o meno di ripetere la serata di gala per Un bosco per Kyoto anno 2012 (quest’anno il primo vero impegno di AK Lazio – coordinamento di un gruppo attivo a sostegno del Presidente). Tutti sono d’accordo con la proposta del Presidente circa la possibilità che ogni sezione o coordinamento regionale di AK dovrebbe organizzare un’iniziativa analoga, (con le opportune modifiche e variazioni da tema … compreso sarà il nostro prossimo impegno di AK Lazio).
Tutto questo per diffondere il progetto Un Bosco per Kyoto in tutta Italia e per fare un’opportuna campagna raccolta fondi a sostegno di AK (nello specifico dei fondi raccolti se ne parlerà a momento opportuno).

A Ezio Sina viene riconfermato il suo incarico per la Cerimonia in Campidoglio in tandem con Bernardo Finocchi, integrando le rispettive capacità e professionalità per l’ottenimento di un buon programma della giornata.

Riprende l’intervento Bernardo chiedendo di non essere più interrotto, possibilmente, ed espone alcune idee per l’iniziativa di Gennaio prossimo. Al mattino ci sarà la parte scientifica e di premiazione ufficiale, alla presenza delle istituzioni, a questo proposito viene ribadito: un numero massimo di premi da distribuire 10 < 15; inoltre, bisognerà sollecitare la Commissione presieduta dalla Dott.sa Fausto a dare i risultati delle valutazioni entro Novembre prossimo. Per il pomeriggio, essendo prevista la finale del concorso musicale, si penserà a proiettare alcuni dvd degli ospiti musicisti, mentre, saranno previste performance di recitazione poesie e brani. La musica da premiare potrebbe essere suddivisa nelle categoria: classica e d’autore. Per quest’ultima Bernardo propone di lasciare il testo e la composizione libera da vincoli tematici (non solo ambiente come lo scorso anno) in maniera che gli autori possano liberamente esprimersi e partecipare. Si apre un giro di opinioni Sina e Gioffrè sottolineano invece l’importanza del tema ambientale per distinguersi da qualsiasi altro festival.
Bernardo ribadisce come la prima edizione del Festival di Musicambiente abbia avuto successo grazie al coinvolgimento delle 6500 scuole di ballo, ma anche al fattore sorpresa per il tema ambiente. Un secondo esperimento basato solo su questa tematica potrebbe non riuscire più, soprattutto a livello quantitativo di adesioni da parte degli artisti. Auspica che tutto possa andare nelle direzione dell’ottimizzazione organizzativa, affinché nel dopo Festival (novembre) possa avvenire tutta quella promozione e pubblicizzazione che quest’anno ci siamo persi non ripetendo la stessa esperienza (infatti tutte le scuole di ballo ci avrebbero inserito nella locandina delle loro attività e programmazioni annuali).

Si continua la discussione sull’opportunità di variare lo stile musicale del concorso artistico, trovando una soluzione salomonica: ormai quest’anno il tema potrà rimanere libero (in quanto già in essere i lavori artistici), il prossimo anno all’interno della manifestazione Un Bosco per Kyoto , per quanto concerne il concorso musicale, verrà inserita la sezione speciale Ambiente.

Pertanto si definiscono, ribadendo i concetti organizzativi, le seguenti tappe suggerite da Gioffrè: ottobre (il mese, in maniera autonoma delle varie espressioni AK in territorio nazionale) Galà o similare per Un Bosco per Kyoto – Novembre Festival Un Bosco per Kyoto all’Ariston Sanremo (fondi permettendo) – Gennaio Cerimonia ufficiale Premio Internazionale Un Bosco per Kyoto. Viene anche precisato che Carlo Sacchettoni, ottimo conduttore della serata di gala, sarà coinvolto nelle varie tappe, secondo suoi impegni professionali. Sina sottolinea l’importanza di un attore o un attrice famosi che il 20 gennaio possano leggere i testi più belli delle canzoni, ma anche una presenza femminile accanto a Carlo Sacchettoni.
6. apertura agli sponsor esterni.
Campagna IO SOSTENGO UN BOSCO PER KYOTO

Adesioni con Procedure e limiti;

7. 1° parte delle Varie Eventuali

Meteoclima: ogni domenica AK fornisce un servizio documentato e commentato sulle condizioni climatiche in Italia e nel Mondo a molte testate giornalistiche. Si potrebbe riversare questa esperienza a livello regionale. La comunicazione di questo genere è molto importante e fino ad ora è stata molto apprezzata da tutti.

Biosphera: Viene richiesto dal Presidente di mettere ai voti la decisione di riconoscere con logo AK questo progetto creato dalla NASA, vengono spiegate le caratteristiche e come sia arrivata a noi. La decisione viene presa all’unanimità.

Gioffrè evidenzia la poca visibilità di AK nei cd e dvd in visione, anche la mancanza di bandiere per iniziative esterne è sentita. Si addiviene completare tutti i video con logo AK ed a cercare preventivi per le bandiere (potrebbe pensarci Cantieri). Bisogna cercare di essere più visibili, visto la storica cronologia di AK e la presenza cospicua nei territori.

Cantieri annuncia la promozione di Natale, suggerita dal Cons. Fabio Scalzini ed adottata da AK Lazio “IL CESTO DELLA SALUTE” con prodotti tipici della Tuscia, con l’etichetta “questo cesto sostiene le attività di Accademia Kronos” da proporre a tutti i soci, amici, conoscenti, aziende amiche, con la spedizione compresa nel costo! Per il 10 Ottobre dovremmo avere un prototipo da proporre. Alcuni si esprimono favorevolmente, Gioffrè dichiara che da loro non potrebbe funzionare. Bernardo propone di inserire dentro il cd del Festival ambiente Sanremo 2010. L’idea viene comunque promossa ed accettata a livello regionale come prima esempio di applicazione.
Inoltre, la Segretaria nel rimandare il resto delle varie eventuali al prossimo Direttivo Nazionale che si terrà sabato 3 Dicembre 2011 ore 10.00 nella sede nazionale di Ronciglione, lancia l’idea di una Campagna tesseramento 2012 massiccia per tutto il territorio regionale e nazionale. Si richiederà la collaborazione dei regionali. Bernardo suggerisce un programmino rapido e veloce che una volta instaurato ogni anno darà un controllo esatto della situazione. Questa proposta viene accolta, ma non sarà realizzabile perché non c’è una persona che “volontariamente a costo zero” possa “impiegare tempo” in un’azione che richieda ore di lavoro almeno per i primi mesi di monitoraggio. Analogamente il monitoraggio con i regionali da parte della Segretaria sarà da riconsiderare attentamente, non essendoci risorse da impiegare per la pianificazione pratica. Si potrebbe creare una rete di contatti e mail (per suggerimenti d’impostazione e di organizzazione, etc etc) fra AK regioni e AK sezioni , di concerto con AK nazionale. Viene presentata dalla Segretaria l’idea di aprire anche per aziende ed imprese, ditte e negozi, una Campagna IO SOSTENGO UN BOSCO PER KYOTO, con la quale acquisire dei soci-sponsor con un quid annuale (da considerare insieme) sia a livello nazionale e sia livello regionale (ognuno per la propria territorialità). Si otterrà un modesto contributo da sponsorizzazioni, in cambio di visibilità e pubblicità su locandine o manifesti per iniziative AK.

Di questi ultimi due argomenti si rimanda la discussione effettiva alla data prossima.

Sina consegna una busta a tutti i componenti del Direttivo, da parte di Giulio Signorelli.

Gioffrè fa notare che parte dell’ordine del giorno per il punto VARIE & EVENTUALI è rimasto inevaso, precisamente:

proposta di Ruoli e incarichi per Organigramma nazionale,
Coordinamento fra regioni per iniziative e attività (non solo ciò che elaboriamo in sede nazionale)
Programma Generale semestrale (di sei mesi in sei mesi),
Comunicazione e diffusione informazioni mediante stampa, regionale e nazionale.
Invio in sede nazionale di articoli locali e/o rassegna stampa trimestrale.
Informativa su coordinamento AK Lazio.
Altro punto da riportare al prossimo Direttivo Nazionale

8. rapporti Comune di Roma e questione dissociatore;

Tutti concordi dichiariamo aggiornata la riunione a sabato 3 Dicembre 2011 ore 10.00 presso la Sede nazionale di Ronciglione.
Verbale redatto dalla Segretaria Maria Beatrice Cantieri
Il Presidente Ennio La Malfa
Il VicePresidente Alberto Gioffrè
La Segretaria Maria Beatrice Canteri
Ronciglione, 2 Ottobre 2011