Relazione Direttivo Nazionale del 17 marzo 2012

Il giorno 17 marzo 2012 a Napoli presso l’antisala dei Baroni, del Castello Angioino, si è riunito il Direttivo Nazionale allargato. Presenti:

Ennio La Malfa – Presidente;
Alberto Gioffré – Vicepresidente;
Bernardo Finocchi – Consigliere;
Ciro Silvestri – Consigliere;
Teresa Gagliardi – Revisore dei conti;
Roberto Minervini – Responsabile scientifico di AK;
Pasquale Casciello – Responsabile sezione animalista di AK;
Edoardo Giovanni Aprea – Responsabile sezione AK di Caserta;
Carmen Carrillo – Socia di AK sezione Caserta;
Giuseppe La Franca – Socio AK di Ischia;
Ciro Tramontano – Osservatore;
Vincenzo La Vita – Osservatore.

Alle ore 10,10 vista la presenza del numero legale il Presidente dà via ai lavori.

Viene analizzata la situazione economica di AK che nell’esercizio 2011 finalmente chiude il attivo. Stessa cosa dovrebbe accadere per l’anno in corso, tuttavia il Presidente sottolinea che questa situazione al momento positiva è dovuta esclusivamente all’operazione “Frutta nelle Scuole”. Terminata tale operazione il bilancio di AK tornerà in passivo. Da qui l’invito a tutto il Direttivo e ai soci più attenti di trovare aspetti alternativi a “Frutta nelle Scuole” capaci di dare ossigeno economico in futuro all’Associazione.

Si passa velocemente ad analizzare la campagna Frutta nelle Scuole che per il secondo anno, grazie all’amicizia storica che abbiamo con l’Unioncontact di Roma, ci è stata assegnata. I commenti di questa seconda fase della campagna sono risultati positivi in quanto tutti i nostri associati impegnati nelle scuole si stanno comportando egregiamente.

Dopo una breve analisi delle richieste di affiliazione e di nuove sezioni, il Direttivo allargato ha deciso di accettare come sezioni nuove: AK di Caserta e AK di Roma . Come organismi in affiliazione sono accettati: l’associazione UNATAA di Torino e l’associazione di sole donne di Roma “Gunaiké”. Circa la sezione di Ischia già denominata “kronosischia” si è detto di accettare le singole iscrizioni degli aderenti, ma per il riconoscimento ufficiale della sezione di Ischia di aspettare la decisione dell’assemblea nazionale di AK di maggio.

Si è passati alla sezione animalista in cui Pasquale Casciello ha illustrato la situazione del rifugio per cani ed altri animali di affezione relativamente al terreno di 8 ettari messo a disposizione del comune di Limatola. Casciello ha affermato che la regione deve ancora dare un parere definitivo anche al fine di erogare un cospicuo finanziamento. Quindi siamo in attesa di eventuali futuri sviluppi. Casciello ha poi chiesto a tutto il Direttivo di sostenere la posizione di AK contro il sacrificio di animali per l’uso incivile della vivisezione. Tutto il Direttivo allargato esprime solidarietà nei confronti di Casciello.

Si è passati a parlare dell’attuale crisi globale e in particolare di quella italiana, si è visto il ruolo che AK può avere in questo contesto. Si è aperta una ampia e serena discussione. AK, si è detto, in questo momento può offrire una serie di servizi per il cittadino e, quindi costruire una sorta di sportello verde, di cui documento allegato (a). Si è anche parlato dell’accordo con il comune tedesco premiato da noi al Campidoglio di Roma quest’anno; accordo che prevede di far nascere in Europa una scuola internazionale sulla Green Economy. Il Direttivo approva.

Si è passati alla questione CODACONS nella quale il presidente Rienzi, vorrebbe far cancellare dalla lista del Ministero dell’Ambiente molte associazioni, tra cui Accademia Kronos. Il Presidente La Malfa, non capendo l’acredine e l’azione persecutoria di Rienzi, ha mostrato una lettera in cui gli si chiedeva un incontro chiarificatore, lettera raccomandata con R/R. Il Rienzi non ha mai risposto. Il Direttivo allargato pertanto ha dato mandato al Presidente di procedere per vie legali nei confronti del CODACONS.

Si è parlato del rilancio del vecchio giornale cartaceo “Kronos informa”. Questo perché tale strumento faceva pervenire all’associazione ogni anno un cospicuo finanziamento da parte dei lettori che in alcuni casi superava i 13.000 euro. Ora senza questo strumento le quote d’iscrizione che giungono ad AK Nazionale non superano le 3000 euro. Si è pensato allora di produrre un numero zero, legato ad Un Bosco per Kyoto, cioè pubblicare un numero in cui sono riportati tutti i comuni, parchi, enti pubblici e privati e studiosi e ricercatori che nei 7 anni di vita del premio internazionale di Un Bosco per Kyoto hanno avuto tale riconoscimento. Allo stato attuale i comuni che hanno ottenuto tale riconoscimento sono oltre 100, mentre i parchi naturali 12, gli istituti di ricerca 15, altri enti e associazioni più di 30 e persone singole circa 50. A questi comuni, enti e persone si dovrà inviare il numero zero di questa pubblicazione è chiedere loro di aderire come abbonati ad un numero cospicuo di copie. Il Direttivo approva.

Si è passati, dopo un breve break offerto dai soci di Napoli, all’analisi su un Bosco per Kyoto. Anche l’ultima edizione è stata un successo, tuttavia il Presidente rivolgendosi a Gioffré chiede che fine ha fatto l’operazione di pubblicità giornalistica nazionale affidata nel penultimo Direttivo sia a Gioffré che ad Ezio Sina, visto che non c’è stato alcun sviluppo. Gioffré dichiara di aver passato i nominativi dei giornalisti ad Ezio Sina, dopodiché non sa più nulla.

Si è passati ad analizzare la possibilità di riorganizzare la seconda edizione del Festival “Musica e Ambiente” all’Ariston di Sanremo. Bernardo Finocchi precisa che pur avendo a disposizione già il teatro Ariston per la fine di novembre prossimo, se entro la fine di marzo non giungeranno nuovi sponsor, sarà difficile riproporre tale iniziativa per quest’anno. La Malfa e Roberto Minervini hanno comunque chiesto di essere autorizzati a sondare ancora una volta il mondo degli sponsor. Il Direttivo approva.

Si è passati ad analizzare la possibilità di istituire all’interno di AK il corpo delle guardie volontarie ittiche, la cui formazione tecnica giuridica dovrebbe passare all’UNATAA e la parte di preparazione tecnica-scientifica ad AK. Si è aperta subito una calorosa discussione. I soci di Napoli mettono in guardia il Direttivo dal fenomeno di diventare guardie volontarie giurate, perché, da loro dirette esperienze, dichiarano che per molti candidati a tale ruolo interessa solo la possibilità di ottenere il porto d’armi. Ciò successivamente comporterebbe la possibilità di accedere a posti di lavoro remunerati di guardiania. Molti di queste guardie volontarie armate poi, ad esclusione di alcuni motivati, secondo Ciro Silvestri e Giuseppe La Francia, dell’ambiente non gli interessa un granché. Quindi è un rischio da non sottovalutare. La Malfa informa che comunque sono stati presi accordi per la formazione scientifica sia con l’Istituto di Zoologia marina Anton Dohrn di Napoli che con l’Università della Tuscia. Quindi AK è pronta in questo senso. Minervini propone di fare un incontro con i Dirigenti dell’UNATAA per valutare la possibilità di offrire, alle Capitanerie di Porto e alle Aree Marine Protette, persone competenti e volontarie sia per gli interventi sui cetacei spiaggiati che sulle tartarughe marine ferite. Giuseppe La Francia si è dichiarato disponibile a dare una mano in questa operazione, essendo anche lui un formatore di guardie ittiche volontarie. Pertanto il Direttivo dà mandato al Presidente e a Minervini di effettuare un incontro con i Dirigenti dell’UNATAA.

La Malfa illustra l’apertura di AK anche nel mondo dello sport, in particolare in quello delle ecomaratore, segnalando che l’associazione parteciperà come piccolo sponsor ( un’industria privata viterbese ha dato un contributo di 2000 euro ad AK per iniziative sportive legate all’ambiente. Tale contributo va così direttamente erogato per la manifestazione del 15 aprile presso i monti dei Cimini dove si terrà questa ecomaratona). I due vincitori poi rappresenteranno AK nella prestigiosa maratona norvegese del 30 giugno a Capo Nord. Il Direttivo dà l’OK.

Velocemente, essendosi fatto tardi, si passa alla proposta di aprire per i soci di AK un turismo verso le zone dove esistono sedi e raggruppamenti di AK. In questo caso a Danzica in Polonia a San Pablo nelle Filippine e a Buenos Aires. Il Direttivo dà mandato alla presidenza di redigere un programma dettagliato.

Si passa infine a definire la data e il luogo della prossima assemblea nazionale. Si opta per Capo Vaticano o per Tropea dove esiste una riserva marina protetta in parte realizzata da AK Calabria. Ciro Silvestri, viste le località di grande interesse naturalistico e turistico, propone di coinvolgere le famiglie per un week end in zona. Così mentre gli associati saranno impegnati in due o tre giorni di lavoro, le famiglie potranno partecipare ad escursioni e altre iniziative turistiche. Un modo, secondo Ciro, di coinvolgere mogli, fidanzate e figli in iniziative di AK. Il Direttivo approva. Le date possibili proposte sono: fine aprile inizio maggio o seconda settimana di maggio. Viene dato mandato a Minervini e a Dario Giuliano di verificare date e luoghi.

Alle 13,30 il Presidente dichiara chiusa l’assemblea del Direttivo.

Napoli Castello Angioino 17 marzo 2012 ore 13.30

Il Verbalizzante