Verbale Assemblea Nazionale del 23 maggio 2015

logo_small

ROMA – sede UCI – via In Lucina 10 – ore 9,30

Ordine del Giorno
- Relazione attività AK da maggio 2014 ad aprile 2015;
- Approvazione del Bilancio finanziario 2014 e previsionale 2015;
- Analisi della situazione strutturale di Accademia Kronos – riflessioni e proposte;
- Soluzione definitiva per il problema degli operatori di Frutta nelle Scuole;
- Campagne nuove per dare ossigeno economico ad AK;
- Iniziative in Italia ( Stop Plastica nei mari – Parco delle eccellenze in Irpinia );
- Iniziative oltreconfine: Bolivia e Cina;
- EXPO 2015 e un Bosco per Kyoto;
- Stato d’arte delle nostre Guardie Ambientali Volontarie di AK;
- La voce delle sezioni di AK, riflessioni e proposte operative;
- Varie ed Eventuali;

Alle ore 10,30, visto che il numero legale era stato raggiunto, il Presidente Ennio La Malfa dà incarico per la Segreteria dell’Assemblea e per la registrazione degli interventi a Francesco Veneziano.

Il Presidente La Malfa dopo una breve descrizione di un anno di attività dell’Associazione, passa alla lettura del Bilancio Consultivo.

Si apre un breve dibattito per alcuni chiarimenti circa il limitato afflusso di denaro nelle casse di AK. Il Presidente spiega che gli enti pubblici ormai non hanno più risorse per noi, anche se proponiamo progetti di grande valenza. L’unico apporto di liquidità nelle casse di AK è data dalle quote associative dei soci ordinari e delle guardie ambientali di AK. Qualche altro beneficio economico è dato da qualche corso che AK centrale ogni tanto propone.

Viene spiegato perché non c’è stato il contributo nel 2014 del 5×1000. Il Presidente spiega che nel 2013 nel crack finanziario di Unioncontact, anche AK è stata coinvolta e a rischiato la “chiusura” e, nel tentativo di salvarsi, ha dimenticato di attivare le pratiche per il 5×1000. Tuttavia, sempre il Presidente, sia nel 2014 che nell’anno in corso le pratiche per essere dentro al 5×1000 sono state fatte con regolare tempestività, per cui ad ottobre finalmente potremmo beneficiare di cifre importanti.

Si passa alla votazione per accettazione del bilancio consultivo 2014: l’Assemblea approva all’unanimità.

Poi il Presidente, sollecitato dai soci, ha dichiarato che, nonostante tutto, continuerà la sua attività istituzionale fino al termine del mandato (tra 2 anni ) a meno che non subentrino situazioni tali da consentire un’uscita anticipata.

Si passa ad illustrare la manifestazione di chiusura dei 10 anni di Un Bosco per Kyoto che dovrebbe concludersi il 13 giugno all’EXPO di Milano, a meno di ripensamenti del Presidente della Bolivia Evo Morales che dovrebbe presiedere tutta la cerimonia. Si è passati ad illustrare la pubblicazione “10 anni di Un Bosco per Kyoto”, scritta in Italiano e in Inglese, che dovrebbe essere distribuita durante la cerimonia a Milano e distribuita in coppie cospicue alle sezioni di AK. Prende la parola Oliviero Sorbini che di fatto è il responsabile della realizzazione della pubblicazione. Spiega la filosofia della pubblicazione e propone che come successore di Un Bosco per Kyoto sia un altro premio internazionale che lui propone debba chiamarsi: “Clean Green Planet”.

Si apre una vivace discussione sul titolo proposto per il dopo Un Bosco per Kyoto. Chi è favorevole e chi è contrario. Oliviero Sorbini allora propone di formulare un titolo diverso da inviare alla sua email. Dopodiché si deciderà. Questa posizione viene votata all’unanimità dall’Assemblea.

Intervengono i Responsabili della Sezione AK di Latina (Salvatore Carta e Luigia Gautiero) per fornire idee e consigli di come attivare meglio tutta l’Associazione e su come beneficiare di fondi economici importanti. Si fa notare che la Sez. AK di Latina in un anno ha prodotto circa 350 soci nuovi. A tal proposito il Presidente La Malfa esprime gratitudine a questa sezione e invita gli astanti ad un applauso.

Interviene Franco Celeste è dimostra che grazie alle guardie ambientali di AK sono sorte in Italia altre 22 nuove sezioni. In questo modo, ha continuato Celeste, abbiamo di gran lunga superato la nostra presenza in almeno 10 regioni, come richiesto dal Ministero dell’Ambiente. Ci siamo attestati su 18 regioni. Anche qui un plauso da parte dell’Assemblea. Circa le nuove regole legali per chi apre una sezione e cioè la copertura assicurativa dei soci, Celeste chiede che al prossimo Direttivo Nazionale si affronti il tema. L’Assemblea approva.

Ci si è soffermati sulla questione degli operatori di Frutta nelle Scuole che a causa del Crack dell’Unioncontact non è stato possibile più pagare per le loro prestazioni. L’Assemblea, visto che ormai l’ultima fattura di 76.000 che l’Unioncontact avrebbe dovuto pagarci non sarà mai più onorata, si è deciso all’Unanimità di congelare, in virtù dei prossimi auspicati introiti, il 10% per iniziare a pagare gli operatori di Frutta nelle Scuole.

Anna Maria Irace illustra all’Assemblea l’operazione Stop alla Plastica nei Mari, partita più di un mese fa dalla Versilia attraverso la regata internazionale “dei Cetacei”. Il progetto è piaciuto ai velisti per cui si continuerà ancora nei mesi successivi. E’ stata illustrata la scheda di segnalazione inquinamenti nel mare che viene distribuita a chi va in mare. La scheda è stata approvata dall’Assemblea.

Il Presidente la Malfa illustra lo “stato dell’arte” con la Bolivia circa l’estrazione dei Sali di Litio e l’operazione con la Regione Lazio per la commercializzazione dei capi d’abbigliamento di alpaca in cui verrà posto un simbolo di AK al fine di ricevere un minimo contributo per ogni capo venduto.

Circa l’operazione con la Cina e in particolare con la regione di Hangzhou, il socio Adrea Magnolfi, che è stato il promotore di questa nuova apertura internazionale, spiega che AK è diventato il partner di un’organizzazione Italo – Cinese nel settore della bonifica ambientale e che a fine giugno i dirigenti di AK dovranno andare in Cina per accordi definitivi. Sempre Magnolfi illustra che in Italia AK è impegnata con 21 comuni in Irpinia per la realizzazione dei Contratti di Fiume.

Il nostro Responsabile scientifico Roberto Minervini interviene spiegando che AK si sta muovendo con una certa professionalità nel nuovo ed importante settore dei Contratti di Fiume. In quella occasione illustra brevemente all’Assemblea cosa sono i Contratti di Fiume.

Alle 13,40, esaurite tutte le voci relative all’O. del G. il Presidente La Malfa dichiara chiusa l’Assemblea.

IL SEGRETARIO DELL’ASSEMBLEA
Francesco Veneziano