Verbale Direttivo del 18 gennaio 2018

logo_small

Roma – Hotel Milani – via Magenta, 12 – ora 10,00

presenti (in ordine di arrivo):
Franco Floris,
Alessandro Sebastiani,
Oliviero Sorbini,
Francesco Pierangelini,
Ennio La Malfa,
Gabriele La Malfa,
Simonetta Stefanini,
Pierluigi Sassi

come osservatori:
Mario Minoliti,
Vincenzo Avalle,
Daniele Leoni.

Nel pomeriggio si sono aggiunti:
Ottavio Capparella,
Carlo Dettori.

Il Presidente Floris, visto di aver raggiunto il numero legale, apre i lavori secondo il seguente ordine del giorno:

- Operazione nazionale “Io Faccio La mia Parte”
- Situazione campagna iscrizioni 2018
- Situazione Convegno sul Clima del 16 febbraio al Campidoglio di Roma
- Situazione contatti e sponsor per la varie iniziative
- Preparazione alla nuova edizione di Earth Day – primavera 2018
- Nuovo regolamento guardie zoofile ambientali di AK
- Varie ed eventuali

Il Presidente Floris dichiara ai presenti che l’operazione “Io faccio la mia parte” deve rappresentare per AK la mission base, sulla quale incardinare tutti gli altri progetti. In effetti, afferma il Presidente, è necessario avviare una “rivoluzione culturale” in cui la gente inizi a fare un profondo esame di coscienza per capire da che parte sta: dalla parte della vita su questo pianeta o dalla parte del consumismo più sfrenato e distruttivo dell’ambiente. Su questa “filosofia” operativa sono tutti d’accordo. Purtroppo, fa notare il Presidente, la frase “Io faccio la mia parte” è già presente su internet con altre campagne, per cui bisogna valutare se sia necessario trovare un’alternativa. Si apre quindi un serrato dibattito e alla fine si decide all’unanimità di coniare il nuovo slogan in: “Madre Terra: Io faccio la mia parte“.

Si passa alla questione dei tesseramenti, Alessandro Sebastiani, propone di far pagare alle guardie invece di € 30,00 all’anno € 20,00. I presenti approvano, ma con la clausola che chi pagherà 20,00 euro dovrà avere il decreto prefettizio di guardia zoofila e ambientale di AK in regola. Per tutti gli altri, nonostante qualche breve “riflessione”, si conferma la quota annuale per essere socio di AK a 30,00 euro.

Alessandro Sebastiani e Vincenzo Avalle illustrano all’assemblea un’incresciosa situazione in cui una nostra guardia zoofila e ambientale è stata fermata e denunciata da una pattuglia dei Carabinieri, perché sorpresa di notte in prossimità di una riserva con un arma carica (fucile da caccia) nell’auto la cui licenza sembrerebbe anche scaduta. Il Direttivo a tale notizia ha decretato l’espulsione immediata della guardia anche come socio.

Si passa a parlare del nostro convegno del 16 febbraio al Campidoglio di Roma, purtroppo, interviene il Segretario Ennio La Malfa, la sala della Protomoteca non è più disponibile per quella data, allora il Direttivo propone di spostare la data a dopo le elezioni di Marzo. Vengono incaricati di contattare l’assessorato ambiente di Roma, Carlo Dettori ed Ennio La Malfa.

Passando all’operazione Sponsor il Presidente Floris illustra i contatti attivati con diverse aziende del nord, una delle quali ci ha già erogato un piccolo contributo. Da tutti questi enti ci si augura di ottenere altri contributi. In particolare Floris si sofferma sul fatto che molte aziende sono interessate a finanziare eventuali progetti di ricerca che il nostro comitato scientifico dovrà individuare ed elaborare.
A tal proposito Il Presidente autorizza i dirigenti di AK ad intraprendere azioni per ricerca sponsors, collaborazioni, finanziamenti e donazioni, da definire di volta in volta.

Circa la prossima edizione di Earth Day Italia, si è deciso di parlarne nel prossimo direttivo.

Dopo la breve sosta pranzo si passa ad affrontare il nuovo regolamento e gestione delle nostre guardie ecozoofile. Si apre una vivace discussione tra Minoliti e Avalle, poi con l’arrivo di Ottavio Capparella si decide di affrontare la questione in maniera più tecnica in un locale a parte.

Nel frattempo Carlo Dettori relativamente ai cavallini della Giara, conferma che si sta impegnando a verificare in modo approfondito la situazione regionale per procedere al progetto di salvaguardia di questi animali.

Circa la questione nuovo regolamento per le nostre guardie, Mario Minoliti afferma che le modifiche del regolamento proposto alle nostre guardie si avvalgono di quelle, rodate da anni, del WWF nazionale, per cui in questo modo non si corre “più nel buio”. A tal proposito, per meglio comprendere i nuovi meccanismi tra Stato e Terzo Settore, AK organizzerà a breve a Roma un incontro con tutti i referenti di sezione per meglio capire le nuove disposizioni di legge.

Alle ore 16,30, quando tutte le voci all’O del G. sono state affrontate, arriva una delegazione esterna ad AK, richiesta dal Consigliere Francesco Pierangelini, capitanata da Monia Franceschini per definire un accordo con AK per il progetto della Via Nicolaiana. Dopo aver appreso le condizioni dell’impegno di AK nel progetto della Via Nicolaiana, il Presidente Floris esprime parere favorevole e sottoscrive l’accordo. Tuttavia per Simonetta Stefanini è necessario ancora approfondire il progetto “Via Nicolaiana”, dove capire le relative posizioni che potranno, o no, essere utili ad AK. Infine Simonetta chiede migliori lumi sul progetto acqua – Bracciano.

Alle 17,30 si concludono i lavori del Direttivo.

SINTESI DELLE DELIBERE DEL DIRETTIVO
• La nuova operazione cardine di AK è: “Madre Terra: Io faccio la mia parte”
• Confermate le nuove quote associative annuali di AK a € 30,00, eccezione per le guardie di AK con relativo decreto prefettizio (€ 20,00)
• La guardia e socio Britelli è espulso dall’associazione
• Il convegno sul clima al Campidoglio viene spostato a Marzo (data da definire), incarico a: Carlo Dettori ed Ennio La Malfa
• Vengono autorizzati tutti i Dirigenti di AK a cercare nuovi sponsor
• Modifica al regolamento delle guardie ecozoofili di AK
• Accettazione accordo con Monia Franceschini per il progetto sulla “Via Nicolaiana”

Il Verbalizzante
Gabriele La Malfa