Verbale direttivo del 4 settembre 2020

Roma 04.09.20 – Hotel Milani – via Magenta n.12 – ore 09,30

Presenti come Direttivo:
Bruna Antonelli
Vincenzo Avalle
Franco Floris

Presenti come Responsabili di settore:
Ottavio Capparella
Roberto Italiano
Ennio La Malfa

O. del G.
– Comunicazioni Presidente Floris;
– Corso per diventare Geniere della protezione ambientale e climatica;
– Progetto Leccio;
– Manifestazione contro l’uso dei cavalli per turismo;
– Progetti e impegni fino a dicembre 2020;
– Premio internazionale “Io Faccio La Mia Parte”;
– Analisi e decisioni per le Guardie AK;
– Varie ed eventuali.

Il Presidente Floris, visto che si è raggiunto il numero legale (Il presidente si ricorda ha doppio voto), apre la seduta.

Franco Floris dichiara d’essere soddisfatto di come all’interno di Accademia Kronos stiano andando le cose (salvo rare eccezioni). Ribadisce l’importanza di continuare a portare avanti la campagna “Io faccio la mia parte” che, secondo lui, è l’arma vincente del nostro impegno ambientalista. Chiede alla Segreteria Nazionale di predisporre un documento, a Sua firma, per la sezione di Savona Silvestro a carico di un socio che ha tenuto un comportamento denigratorio e diffamante nei confronti di un pubblico amministratore, mettendo così in cattiva luce tutta l’associazione. Il Direttivo all’unanimità approva.

Sempre il Presidente propone di scrivere alla Dott.ssa Ilaria Falconi per inserirLa nel Comitato Scientifico di AK, in particolare come rappresentante dell’associazione in incontri scientifici. Il direttivo approva all’unanimità.

Infine circa le elezioni future dei membri del direttivo propone di limitare a 2 mandati la rielezione, soprattutto del presidente.

Prende la parola il Consigliere Vincenzo Avalle il quale, pur approvando quanto detto dal Presidente, dichiara comunque che i mandati per essere eletto, soprattutto come presidente, non possono essere solo due, ma almeno tre. Inoltre tutto ciò, per essere effettivo, dovrà essere inserito nello statuto, attraverso l’approvazione dell’Assemblea Nazionale dei soci.

Avalle continua informando l’Assemblea che la Questura di Roma sta creando problemi per l’approvazione dei decreti per le guardie. A causa di ciò sono fermi più di 60 decreti per nuove guardie di Accademia Kronos – Le nuove richieste per il riconoscimento o riconferma delle guardie debbono essere riformulate attraverso un documento, già impostato, che deve essere firmato dal Floris.
Il Presidente, pertanto, ferma un attimo i lavori del Direttivo, per firmare le nuove richieste da portare alla questura di Roma relative al rilascio/rinnovo decreti delle guardie eco-zoofile.

Circa il corso di Geniere della protezione ambientale e climatica, il Presidente chiede a Roberto Italiano a che punto sono i lavori.
Roberto Italiano spiega che con il Dipartimento di Chimica della Sapienza, abbiamo avuto già l’OK, nonché il locale all’interno del museo della chimica dell’università, dove tenere il primo corso sperimentale. Purtroppo, continua Roberto, la questione CoViD-19 ha bloccato il tutto. Tuttavia la prossima settimana è previsto un nuovo incontro all’Università per ripartire con il corso, valutando anche le date.

Il Presidente poi accenna al progetto Leccio, ossia acquistare semi di leccio, piantarli nelle apposite fitocelle e una volta cresciute le piantine consegnarle per rimboschimenti contro i cambiamenti climatici agli enti territoriali.

Il Presidente affronta la questione delle botticelle e dei cavalli che trasportano in estate i turisti e che, sotto i raggi solari cocenti, soffrono e possono morire come è accaduto a Caserta.
Prende la parola la Consigliera Bruna Antonelli che informa i presenti che sta pensando di organizzare una manifestazione di piazza per sensibilizzare il pubblico non solo sul problema delle botticelle, ma anche sugli animali da circo e, comunque, su tutto ciò che rappresenta uno sfruttamento indegno nei confronti degli animali.
I Presenti, essendo d’accordo con quanto espresso dalla Consigliera Bruna, propongono di pensare ad una modifica ai regolamenti esistenti a livello nazionale, relativamente all’uso degli animali per traino e per iniziative comunque che vedono gli animali essere sfruttati in maniera incivile.
Il Presidente chiede a questo punto di formare a tal proposito un Comitato che studi la questione proponendo soluzioni, propone, pertanto, che tale comitato sia composto da: Avalle, Antonelli e Italiano.
Il Presidente conclude chiedendo alla redazione di “AK Informa” di pubblicare, a sua firma, nel prossimo numero del notiziario la posizione di Accademia Kronos nei confronti della caccia. (Il direttivo approva all’unanimità).

Si passa al premio nazionale-internazionale “Io faccio la mia parte”. Il Presidente Floris, nonostante il problema della pandemia, dichiara che è comunque necessario celebrare la terza edizione del premio entro la fine dell’anno.
Bruna Antonelli espone quanto ha fatto in tal senso fino ad oggi: ha trovato chi potrebbe realizzare l’oggetto relativo al premio. Si tratta di materiale riciclato in metallo che rappresenta il colibrì. I membri del direttivo approvano e danno mandato a Bruna di commissionare 8 esemplari (previo accurato preventivo).
Circa la data e il luogo dove celebrare la manifestazione, si apre un breve dibattito. Alla fine si concorda di organizzare l’evento alla fine di novembre c.a., possibilmente per queste date: 25,26,27 novembre. Circa la location si propone ancora una volta la sala della Protomoteca del Campidoglio.
Con l’occasione vengono elencati i primi tre candidati individuati per il premio in oggetto. Per il premio nazionale: Daniele Acito e Andrea Cisternino, per il premio internazionale : Torh Heyerdahl (alla memoria).

Interviene Ottavio Capparella che parla del risultato positivo ottenuto nell’ambito del mondo cattolico, fino ad essere ospitati all’interno dell’importante manifestazione sulla “Tutela del Creato” per commemorare il 5° anno dell’enciclica papale “Laudato Sì”. Tutto questo, conclude Ottavio, si concretizzerà domani a Montefiascone (sabato 5 settembre) sul lago di Bolsena.

Terminati i punti dell’O. del G. il Presidente propone il prossimo direttivo nazionale per il 9 di ottobre prossimo. Con questo si chiudono i lavori.