Verbale direttivo del 2 luglio 2021

02.07.21 – in tele-presenza via Skype

Presenti come Direttivo
Vincenzo Avalle
Alberto Briatore
Franco Floris

Presenti come Responsabili di settore
Armando Bruni
Ottavio Capparella
Gabriele La Malfa

O. del G.

– vaglio richiesta apertura sezione a Zagarolo (RM)
– valutazione su sede in comodato d’uso al Comune di Savona
– valutazioni sul rispetto delle procedure associative da parte di alcuni soci

Vista la comprovata emergenza sanitaria (CoViD-19) il direttivo non si svolge in presenza, ma tramite un collegamento audio/video (Skype).

I consiglieri Bruna Antonelli, Luigi Campanella e Laura Rovaris comunicano che, causa impegni improrogabili, non potranno essere presenti alla riunione del direttivo.

Il Presidente Franco Floris, visto il raggiungimento del numero legale, alle 10.10 a.m. apre la seduta telematica.

****************

Il segretario Gabriele La Malfa fa nota la richiesta di apertura di una sezione nel Comune di Zagarolo (RM) da parte di 7 neo-soci in regola con le quote associative. Non essendoci fattori ostativi (lo stesso coordinatore guardie del Centro Italia, Armando Bruni, ha seguito l’iter di richiesta apertura) i membri del direttivo danno parere positivo. Quindi la nuova sezione di Zagarolo viene ufficialmente riconosciuta.

****************

Sempre il segretario Gabriele La Malfa porta all’attenzione la questione relativa alla sede data in comodato d’uso dal Comune di Savona alla ex sezione di “Savona Cittadina”. Non esistendo più di fatto tale sezione, le possibilità sono due:
1) riconsegnare le chiavi al Comune, facendo una lettera ufficiale di rinuncia;
2) passare la sede ad un’altra sezione attualmente attiva.
La sede risulta essere in comodato d’uso (è una stanza all’interno della Fortezza del Priamar) fino al 31 dicembre di quest’anno. Dopo tale data, se non verrà restituita, sarà necessario corrispondere un canone mensile di circa 45 euro.

A tal riguardo il direttivo decide di dare incarico al consigliere Alberto Briatore di prendere informazioni e valutare bene la situazione in modo da poter prendere una decisione a riguardo.

****************

Si passa alla questione inerente il rispetto delle procedure associative da parte di alcuni soci. Si concorda che tutti i soci, Presidente compreso, prima di poter intraprendere iniziative che interessino direttamente o indirettamente l’associazione, devono confrontarsi con il direttivo attualmente in carica. Tutte le iniziative, che non siano strettamente legata alla propria realtà locale e alla propria sezione di appartenenza, necessitano del vaglio e l’approvazione esplicita del direttivo per essere intraprese.

A tal riguardo il direttivo da mandato all’attuale comitato Etico di valutare suddette situazioni e di portare all’attenzione del direttivo le proprie valutazioni e considerazioni.

Inoltre, constatando che l’attuale regolamento interno attuativo dello Statuto, non entra nello specifico sui diritti e doveri dei singoli soci, il direttivo decide di dare mandato all’Avv. Ottavio Capparella di formulare un’integrazione/implementazione, che vada a colmare tale carenza. L’integrazione, ovviamente, sarà sottoposta all’attenzione e al vaglio del direttivo.

****************

Intorno alle 11.30 am, essendo stati trattati tutti i punti, il Presidente dichiara conclusi i lavori.

Il Presidente
Franco Floris

Il Verbalizzante
Gabriele La Malfa